OCEAN AMBASSADOR

Lorenzo Mittiga

Lorenzo è un fotografo subacqueo professionista italiano, istruttore PADI dal 1990 e biologo marino. Ha lavorato per più di 15 anni come cameraman subacqueo, inviato e consulente scientifico per la tv italiana. Ora vive nella splendida isola caraibica di Bonaire con sua moglie, Elisabetta, istruttrice subacquea e di yoga. Condividono la stessa grande passione per il mare e la natura. Insieme a PADI, hanno sviluppato una nuova specialità, la PADI Yoga Diver Speciality, come allenamento ideale per i subacquei per esaltare l’esperienza d’immersione.

Quando e perché hai iniziato a fare immersioni?

Da quando avevo 5 anni, mio padre mi lasciava svuotare le sue bombole dopo le immersioni, respirando attraverso il suo erogatore (ricordo che era un Technisub Inject 20). Ho fatto la mia prima vera immersione nell'estate del 1977 a 8 anni, sono andato dritto a 12 metri con un bombolino da 5 litri sulla schiena, con alcuni attrezzi da lavoro per mio padre che stava sul fondo riparando la catena di ormeggio della nostra barca, in Sicilia. Non avevo regole da seguire se non compensare le mie orecchie, respirare e non superare le bolle in risalita! È stato l'inizio di un'avventura che dura tutta la vita!

Qual è il tuo pesce spirito (o mammifero / rettile) e perché?

Ho sempre amato le Orche. Si muovono sempre e viaggiano libere, come me. Sento di non avere radici e cerco di vivere la mia vita come un'avventura, cambiando isole ed esplorando nuovi posti in tutto il mondo. Il simbolo originario dell’Orca, o Killer Whale, simboleggia la famiglia, il romanticismo, la longevità, l'armonia, i viaggi, la comunità e la protezione. Si dice che protegga coloro che viaggiano lontano da casa e li riconducano indietro quando arriva il momento.

Cosa ti piace di più delle immersioni?

La libertà; il silenzio; l’esplorazione; le nuove scoperte e la sorpresa. Stare con me stesso profondamente. Ogni giorno in mare, per me, è una benedizione e ogni immersione è una nuova avventura.

Come approcci i non subacquei per entusiasmarli sull'imparare ad immergersi?

Mostro loro le mie foto e dico loro: "... immagina di essere in grado di farne parte ..." e "... puoi farlo anche se ti piace! Respirare sott'acqua è una sensazione straordinaria; è un'incredibile opportunità per tutti, scoprire lo straordinario mondo sottomarino. Dopo il primo respiro subacqueo, l'immersione farà parte della tua vita! Ma imparare ad immergersi con le persone giuste è la cosa più importante!

L'esperienza subacquea più memorabile?

Non è facile a dirsi. Quella che mi torna in mente più di tutte , è quando ho fatto la mia prima immersione filmando i grandi leoni marini nell'Australia Meridionale. Dopo migliaia d’immersioni in molti luoghi e molte creature viste, quella particolare esperienza è stata indimenticabile, specialmente per l'interazione che ho avuto con loro nella natura selvaggia assoluta della penisola di York.

Immersione da sogno: dove e con chi (vivo o no)?

Bene, sono cresciuto seguendo tutte le avventure di J.Y. Cousteau e successivamente ho lavorato per 15 anni con il fotografo italiano del suo team Calypso. Ho sempre sognato di far parte della Calypso e di vivere quelle avventure.

Materiale preferito di Aqua Lung?

Onestamente, tutte le attrezzature sono incredibilmente efficienti e comode, ma se dovessi scegliere un pezzo in particolare, è certamente il BCD Out Law. È tutto ciò di cui avevo bisogno da un BCD per un uso quotidiano durante il mio lavoro: superleggero, comodo come se non avessi nulla sulla schiena, minimalista, modulare e molto, molto efficiente! Sono molto sorpreso di come, in questo caso, la semplicità faccia la vera differenza... lo adoro!

Abilità subacquea che stai lavorando per migliorare?

Vorrei poter riutilizzare il Rebreather per il mio lavoro di fotografo. L'ho fatto in passato, ma non mi sentivo al sicuro con le macchine che mi sono state date ed ho deciso di smettere e aspettare. In seguito ho fatto il mio corso avanzato di trimix Reb con una macchina molto sofisticata e affidabile, ma non potevo permettermelo, in più vivere in isole remote rende difficile mantenerlo. Spero di poterlo riutilizzare prima o poi.

Quali passi stai prendendo per migliorare la salute dei nostri oceani? Qualche consiglio per gli altri che vogliono aiutare?

Ho pensato di salvare l'oceano una volta, ecco perché ho studiato biologia marina e mi sono laureato. In seguito mi sono reso conto che tutti i progetti in cui sono stato coinvolto, dal salvataggio e recupero delle tartarughe marine, alla riduzione dell'impatto del settore della pesca attraverso il miglioramento dell’acquacoltura ecologica, erano per lo più realizzati per rubare denaro allo Stato. Ho quindi deciso di divulgare la conoscenza degli oceani e delle sue creature ed i sui meccanismi attraverso documentari. Ho lavorato come conduttore subacqueo, biologo-consulente e cameraman subacqueo per la televisione italiana, cercando di rendere più semplice e comprensibile ciò che normalmente veniva detto troppo complicato e scientifico per il pubblico. La mia idea è quella di far capire alle persone quanto sia bello, sorprendente e importante il pianeta mare e, così facendo, imparino a rispettarlo.

Qualche talento nascosto?

Disegnavo bene quando ero ragazzo. È così che iniziata la mia passione per la fotografia e le riprese, una mutazione artistica. Il disegno mi ha aiutato molto anche durante gli studi universitari, quando studiavo biologia e usavo il disegno per visualizzare su carta tutto ciò che dovevo memorizzare, dalla zoologia alla chimica e la genetica. Volevo essere un disegnatore scientifico professionale se non mi fossi appassionato alla fotografia.


Segui le avventure di Lorenzo:

Link Rapidi