OCEAN AMBASSADOR

Greg Lecoeur

Premiato fotografo subacqueo e faunistico
"Potevo sentire il potere della natura ma allo stesso tempo sono stato anche pervaso da un sentimento di dolcezza. Ho avuto la possibilità di catturare il momento spettacolare in una frazione di secondo"

Quando e perché hai cominciato ad immergerti?

La biologia marina è sempre stata una passione, stare sott’acqua è la soluzione migliore per essere a contatto con la fauna marina. Inizialmente ho cominciato con l’apnea da bambino e a vent’anni ho fatto la mia prima immersione subacquea nella bellissima Reunion. E mi sono innamorato perdutamente di questa attività.

Qual è il tuo pesce guida (o mammifero / rettile) e perché?

Sono innamorato degli squali che sono degli animali incredibili, predatori all'apice della catena alimentare e dell'evoluzione. Sono la perfezione della natura e degli ottimi soggetti fotografici; molto fotogenici in determinate situazioni di luce. Adoro anche i mamiferi per l'interazione, in particolare i Globicefalo del mare Mediterraneo dove vivo e dove posso immergermi nell'acqua blu cristallina del Riviera Francese

Qual è l’aspetto che ti piace di più della subacquea?

Oltre ad offrire eccezionali sensazioni di assenza di gravità, la subacquea offre una reale vicinanza con la vita marina e la possibilità di assistere al comportamento degli animali e all’interazione tra specie diverse. Ti senti molto speciale e respirare sott’acqua è molto eccitante, così come potersi muovere in totale libertà ed esplorare. Il suono del silenzio è una parte completamente diversa del mondo. Dopo l’immersione, la tua mente rimane sott’acqua e ti senti molto appagato.

Come ti approcci ai non subacquei per entusiasmarli nell’imparare ad immergersi?

La subacquea è accessibile a tutti e non richiede condizioni fisiche specifiche. È un’attività bellissima ed eccitante che può rapidamente creare dipendenza. È in grado di creare momenti indimenticabili da condividere con amici e familiari.

L’esperienza subacquea più memorabile?

La mia esperienza più memorabile è stata in Sudafrica durante la Sardine Run. La migrazione delle sardine lungo la costa selvaggia attira tutti i predatori marini che lavorano insieme per cacciare. Ho avuto la possibilità di trovarmi in acqua nel posto giusto al momento giusto assistere e documentare questo momento, in cui cacciavano contemporaneamente dai delfini agli uccelli del Capo. Una delle foto che ho scattato è stata premiata nel 2016 e sono stato nominato National Geographic Nature Photographer dell’anno.

Un’altra esperienza straordinaria è stata a Tonga, interagendo con una giovane megattera. Questo mammifero, molto curioso e giocoso, si è avvicinato per osservarmi. Sebbene pesasse diverse tonnellate, ha mostrato un’incredibile agilità e potenza nel trattenersi verticalmente in acqua.

Attrezzatura preferita Aqua Lung?

Oltre al comfort delle mute, in particolare del modello AquaFlex con un design davvero accattivante, il G.A.V. Rogue mi consente una grande libertà di movimento ed è facile da trasportare durante i miei numerosi viaggi grazie al design compatto e minimale. Naturalmente il celebre erogatore Legend mi garantisce una respirazione morbida e sicura.

Cosa stai facendo per migliorare la salute dei nostri oceani? Hai qualche consiglio da dare a chi vuole rendersi utile?

Attraverso il mio lavoro fotografico, cerco di attirare l’attenzione sulla bellezza e la fragilità del mondo marino al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di preservare i nostri oceani. Incoraggio tutti a partecipare cambiando le nostre abitudini di consumo giornaliere. La soluzione è nelle nostre mani, con le azioni che compiamo quotidianamente.

Segui le avventure di Greg:

Link Rapidi